pitiriasi alba

Pitiriasi alba

La pitiriasi alba è un disturbo della pigmentazione cutanea che si manifesta con aree più o meno estese di ipomelanosi. La pitiriasi colpisce in prevalenza i bambini e gli adolescenti. I soggetti maschili sono colpiti più frequentemente rispetto alle donne.

Pitiriasi alba viso: questa è la parte del corpo più colpita insieme agli arti, tuttavia la malattia potrebbe estendersi anche sul tutto il corpo.

Questo tipo di dermatite alba non è contagiosa, provoca solo un lieve prurito, spesso guarisce spontaneamente e senza alcun trattamento.

Quali sono i sintomi?

La manifestazione della pitiriasi alba avviene con la comparsa delle chiazze bianche sul viso del bambino, normalmente si possono vedere sulla fronte, zigomi, e guance. Molte volte non sono facili da riconoscere.

La grandezza spesso varia tra 0.5 e 2 cm di diametro, però come abbiamo già detto prima la malattia potrebbe avere estensione significativa e ricoprire più parti del corpo di un bambino.

Di solito la malattia si presenta a gruppi di macchie 4-5, in certe circostanze questo numero potrebbe arrivare anche a venti, di conseguenza non si presenta quasi mai in maniera solitaria.

Il periodo in cui si vive la pitiriasi si può dividere in 3 fasi:

  1. Nella prima fase possiamo annotare solo un rilievo di colore leggermente rosso, che viene accompagnato da una sensazione di prurito.
  2. Durante la seconda fase le macchie evolvono nel tipico colore bianco-pallido.
  3. L’ultima fase si caratterizza da secchezza ed “eliminazione” dalla superficie dell’epidermide di squame formatesi a causa processi morbosi (desquamazione), non vi sono più presenti rilievi e rimane soltanto il colore bianchiccio.

Una veloce desquamazione delle cellule della cute che contieni la melanina è responsabile della colorazione biancastra. Durante il periodo freddo la secchezza è più accentuata, invece durante periodo estivo o caldo le macchie diventano più evidenti.

Come diagnosticare la pitiriasi alba?

La diagnosi di pitiriasi alba bambini la esegue un dermatologo, grazie ad un’osservazione approfondita della pelle, al fine di non confonderla con altre malattie. Come, ad esempio, vitiligine e pitiriasi versicolor, data la loro somiglianza nella manifestazione.

Spesso viene fatto l’esame delle squame che è stato raccolto dalle lesioni, per escludere definitamente le malattie causate da infezioni.

Quale terapia effettuare?

Pitiriasi alba come si cura?

Questa pitiriasi guarisce in maniera spontanea con la scomparsa totale di tutti segni e sintomi. Il tempo necessario per la guarigione completa può richiedere da qualche mese fino ad un anno.

Eppure, nonostante ciò, i Dermatologi consigliano sempre di usare le creme idratanti adeguate, particolarmente durante la stagione fredda per sfuggire la comparsa recidiva delle macchie e per moderare la secchezza della pelle.

Invece per l’estate viene indicato l’uso della protettiva crema solare con alto fattore di protezione.

Questi sono dunque i principali consigli come cura pitiriasi alba: la pazienza e l’uso di creme idratanti in inverno e solari in estate. Per una visita con i nostri esperti Dermatologi, trovate tutti i riferimenti nella sezione contatti del nostro sito.

Torna su